Crema anticellulite fai da te
 | 

Crema anticellulite fai da te

Una buona crema anticellulite fai da te, ergo realizzata in casa, può certamente farci risparmiare qualcosa, ma attenzione ai dettagli perché spesso il risultato finale lascia a desiderare, soprattutto in termini di qualità.

Se cento donne si riunissero per discutere a gran voce riguardo i peggiori nemici dell’estetica femminile, una sola parola si leverebbe da quelle cento bocche: cellulite! Il dibattito diverrebbe invece molto più stratificato e corposo in relazione alla scelta dei prodotti cosmetici atti a contrastare la famigerata “pelle a buccia d’arancia”.

Il discorso in tal caso è destinato a infittirsi, considerate le plurime opzioni alle quali la moderna cosmesi ci mette di fronte. Sì, perché combattere e limitare la cellulite è un conto, sconfiggerla è un’altra. L’ago della bilancia la fa talvolta una dieta equilibrata, talvolta una predisposizione genetica, un’altra volta ancora le abitudini, l’inclinazione al movimento o al divano, disfunzioni ormonali e chissà quante millesimali componenti diverse.

Insomma, quasi sempre si finisce o tra le mani di un’estetista oppure in un negozio di cosmetica alla ricerca di una crema che possa agire specialmente sulla superficie epidermica delle gambe, il vero tallone d’Achille di quelle donne che non hanno la fortuna di poter passare la maggior parte del tempo in palestra e dal massaggiatore di fiducia. 

Una brutta bestia, la cellulite! Che fare, poi, se le tasche latitano di pecunia e bisogna trovare un modo per correre ai ripari in vista di una stagione alla piena luce del sole, l’estate? Gonne corte, pantaloncini e costumi non hanno proprio peli sulla lingua e la loro schiettezza brucia come una scottatura. 

Come realizzare in casa una crema anticellulite

Nessuno ci impedisce di impiegare poche semplici risorse nella sintesi domestica di un prodotto in grado di sostituire il super costoso ritrovato del salone di bellezza. Realizzare una crema anticellulite fai da te non è affatto un’utopia, però si rende necessario rispettare una valida ricetta che ci guidi nella composizione. Su internet se ne trovano parecchie, i tutorials abbondano ma chiedere consiglio agli specialisti è meglio.

Il potere degli estratti vegetali

Come per la crema antirughe, anche una crema anticellulite fai da te deve presupporre una base semplice, una normalissima crema corpo con cui miscelare degli specifici estratti vegetali capaci di intervenire sul problema “buccia d’arancia” penetrando gradualmente nelle zone più soggette. Sono esse fianchi, glutei ma soprattutto le cosce che più risentono di accumuli adiposi, difficoltosa circolazione sanguigna e microcircolo non ottimale.

Questo rappresenta di fatto la cellulite, un “fenomeno fisiologico” coincidente con un inestetismo in piena regola che deprime e introflette la pelle in parallelo a una palese manifestazione di ritenzione idrica.

Vediamoli, allora, questi estratti vegetali per comprenderne l’efficacia, obiettivo finale di una crema anticellulite fai da te degna di questo nome:

  • Edera. Già nota presso i druidi celti, è una pianta dalle molteplici influenze e dalle proprietà  sorprendenti. I suoi estratti, dunque, mirano a uno specifico effetto rassodante, che inoltre nutre e aiuta a distendere la pelle.
  • Ippocastano. La sua azione si concentra su vene e capillari garantendo un forte potere drenante, o meglio favorendo un drenaggio linfatico corretto e un microcircolo appropriato nella zona gambe. Semi e corteccia dell’ippocastano contengono escina, una miscela di saponine che disinfiamma e vasoprotegge.
  • Fucus. La “quercia marina” possiede qualità superbe. Classificato come alga marina, il fucus è un formidabile concentrato di mucopolisaccaridi, polifenoli, steroli vegetali e, ancora, sali minerali, vitamine B1, C ed E. Prima che sulla cellulite, incide sull’obesità e sulla formazione di grasso localizzato in eccesso.
  • Betulla. La fitoterapia se ne avvale da quando è nata la disciplina. Le foglie di betulla possiedono proprietà diuretiche e depurative conferite dai flavonoidi in primis, conseguentemente dai tannini, dalla vitamina C e dall’acido betulinico (clorogenico e caffeico). Gli estratti della pianta aiutano l’eliminazione e la scomparsa dei cosiddetti noduli fibroconnettivali che co-determinano la cellulite. Infine, favoriscono l’espulsione dei liquidi ristagnanti nei tessuti.
  • Rusco. Ricco di virtù terapeutiche conosciute addirittura nel III secolo a.C., questo piccolo arbusto sempreverde ha anch’esso una massiccia presenza di flavonoidi e la ruscogenina, fondamentale per la sua efficacia contro varie patologie, cellulite compresa.

Crema anticellulite di Lunezia

Una crema anticellulite fai da te deve comprendere tutti i suddetti estratti vegetali. Più che la loro reperibilità, risulta arduo bilanciarne le dosi, per questo è facile che si verifichino effetti collaterali e fenomeni sporadici di irritazione circoscritta. Per non correre questo rischio, rimane valido il consiglio di affidarsi a una crema anticellulite evinta da una cosmetica di qualità certificata.

Nella fattispecie, la crema anticellulite di Lunezia coniuga il potere drenante dell’ippocastano alla proprietà rassodante dell’edera, efficientando gli effetti tramite gli estratti di fucus, betulla e rusco. 

Si applica sulle zone interessate esercitando un auto-massaggio che preveda lenti e profondi movimenti circolatori e dal basso verso l’alto. La modalità descritta, unita a una leggera pressione con le mani, favorisce il ritorno venoso e la circolazione dei liquidi corporei. Uso giornaliero e costanza premiano con risultati visibili in poche settimane. Molto meglio di una crema anticellulite fai da te.

Articoli simili

Lascia un commento