abbronzarsi fa bene
 | 

Abbronzarsi fa bene?

Abbronzarsi fa bene? Una piccola guida alla scoperta dei benefici e dei rischi da esposizione solare

Abbronzarsi fa bene? Una questione delicata, dibattuta, costellata di luoghi comuni e assurde convinzioni.

Non si scherza col fuoco, tantomeno col sole. Il primo ad accorgersene fu Icaro, che si avvicinò talmente tanto all’accalorante stella da pagare con la vita quella sua imprudenza. Come la cera che teneva salde le ali al suo corpo e finì con lo sciogliersi, anche la nostra pelle – seppur in modo diverso – risente talvolta negativamente dei raggi UV correndo il serio rischio di danneggiarsi irreparabilmente.

Eppure ci hanno sempre detto che il sole fa bene alla salute. È vero solo in parte, con gli opportuni distinguo e accenti che fanno la differenza in quel ginepraio di pro e contro sul quale va necessariamente fatta chiarezza senza generare più confusione di quanta non ce ne sia già.

Asserire con sciocca miopia bacchettona che il sole fa male a prescindere significa negare paradossalmente la simbiosi vitale che si è instaurata fin dalla genesi della Terra fra il pianeta e il più grande astro del nostro sistema. Piante e animali vivono grazie al sole e noi come esseri umani non facciamo eccezione. 

Risulta dunque corretto affermare che l’esposizione eccessiva ai raggi solari corrisponde indubbiamente a un fattore di rischio per la pelle. Ma allora che dire della melanina, della tintarella, della sintesi di vitamina D

Abbronzarsi fa bene?

Facciamo ordine riassumendo in dieci punti fondamentali gli effetti del sole sulla nostra salute.

1.💛Produzione di melanina

L’abbronzatura può intendersi come uno schermo difensivo imbastito dall’organismo per proteggersi dal sole. Il corpo, per mezzo dei melanociti presenti negli strati sottostanti l’epidermide, avvia la produzione di melanina (eumelanina negli individui bruni, feomelanina nei rossi e nei biondi), pigmento delegato a far da scudo ai raggi ultravioletti. 

La pelle acquisisce non soltanto un bel colore, ma innesca un processo di assorbimento e scarico di energia funzionale all’equilibrio del derma.

2.⚠️L’esposizione solare aumenta il rischio di tumori alla pelle

L’abbronzatura certamente aiuta ma non è risolutiva né ci garantisce una difesa a 360°. I raggi UV riescono a penetrare nella pelle e hanno la capacità di produrre eventuali danni alle cellule cutanee dando avvio, in alcuni casi, a un meccanismo cancerogeno pericoloso in grado di sviluppare carcinomi spinocellulari, melanomi e basaliomi.

3. 💛Sintesi di vitamina D

L’interlocuzione dei raggi solari con la pelle risveglia e fomenta un potere dell’organismo da non sottovalutare: la sintesi della vitamina D. Essa, prodotta in quantità sufficiente, diviene una formidabile alleata delle ossa fissando il calcio e tenendo lontane tutte quelle malattie la cui insorgenza viene normalmente facilitata dalla scarsa assimilazione della suddetta vitamina. Non per nulla l’uomo ha ottimizzato l’elioterapia, ovvero la terapia solare che corrobora corpo e mente. La scienza riconosce da molti anni, ormai, i benefici del sole su patologie come l’osteoporosi e il rachitismo. C’è di più: per i bambini il sole è una vera manna dal cielo, aiutandoli a progredire sotto il profilo osseo e contribuendo anche allo sviluppo muscolare.

4.⚠️La pelle perde elasticità

Va bene godere del calore del sole d’estate, ma trasformarsi improvvisamente in bistecche per il barbecue non si rivela esattamente una buona idea. L’influenza dei raggi solari sulla nostra pelle ha effetti a lungo termine e seguono una progressività spesso presa molto sottogamba. Bisogna sapere che il sole causa la degenerazione di elastina e collagene, proteine accessorie della cute e garanti della sua elasticità. Questa degenerazione va assolutamente prevenuta ed evitata, ma qualora il danno sia già stato fatto, niente paura, la cosmetica ci viene incontro con tutto il suo corredo innovativo. Gioiello inconfutabile al servizio anche delle cuti più sensibili e disturbate, la crema al veleno d’api di Lunezia interviene attivando una risposta spontanea nella pelle, l’induzione all’aumento proprio della produzione di collagene ed elastina.

➡️ Vai alla seconda parte dell’articolo per leggere tutti e dieci i punti fondamentali: Abbronzarsi fa bene?

Articoli simili

Lascia un commento