produzione miele vendita miele biologico veleno-dapi-lunezia-adotta-un-alveare
 | 

Adotta un alveare: sostieni le api e la loro filiera

L’ape non è un animale domestico e neppure selvatico, ma qualcosa di intermedio, una creatura capace di contrarre rapporti con l’uomo senza perdere la propria libertà; o comunque restando sempre in condizioni di riprendersela.

Lo diceva Plinio secoli or sono nella sua Historia Naturalis, e l’affermazione continua ad avere una sua oggettiva validità.

adotta-un-alveare

L’intero indotto connaturato all’apicoltura in Italia registra ottimi dati in relazione al mercato e alle iniziative che potenziano ulteriormente una filiera forte: fra queste, “adotta un alveare”. Si tratta di un progetto che vuole coinvolgere direttamente il consumatore dei prodotti apistici, chiamato ad aiutare gli apicoltori in quel processo atto a curare le api, farle moltiplicare e trasformare le loro risorse in prodotti destinati alla vendita.

Miele ma anche cosmetici e principi attivi naturali rientrano nella categoria, il risultato di un lavoro lungo, basato sulla pazienza e la sapienza ma anche sulla capacità di assecondare lo spontaneo evolversi della vita degli insetti nel pieno rispetto dei bioritmi.

Nello Stivale sono tante le realtà agricole e le aziende tenutarie di arnie, preziose alla stregua di un cuore che batte garantendo una continuità biologica e il prosperare delle colonie d’api. Attraverso il principio di “adotta un alveare” si mette in connessione e in sinergia il comparto apistico con chi quel comparto lo ama attingendone il meglio.

adotta-un-alveare

Adotta un alveare: come funziona

Adottare significa sostenere, prendersi la responsabilità e cura di un essere umano o animale – a distanza o fisicamente – rendendolo così parte della propria esistenza. Questa è per sommi capi la definizione di matrice sociale, ma nel caso del progetto adotta un alveare tutto appare estremamente più semplice ma non meno importante.

Come funziona? In breve, si contribuisce alla sostenibilità dell’apicoltura italiana inviando ogni anno una quota da destinare all’azienda scelta, così da rendere meno arduo il compito degli specialisti del settore alle prese con diverse difficoltà produttive, un clima in costante mutamento, la falce dell’inquinamento ambientale e i mille problemi legati alla tutela della filiera.

Chi partecipa all’iniziativa può, in alcuni casi, monitorare da remoto l’alveare, le fasi del suo sviluppo e controllare i vari steps stagionali di produzione del miele. Con il rilascio di un vero e proprio certificato (cartaceo o digitale), colui che adotta un alveare ha diritto a una parte del miele stesso, consegnato dall’apicoltore in periodi distinti, ovvero in linea con l’operatività stagionale delle api.Quanto costa sostenere l’iniziativa “adotta un alveare”? Domanda lecita, risposta lecita: dipende dal piano d’adozione concordato con l’azienda di riferimento.

veleno-d-api

Adottare un alveare di Lunezia

L’Azienda Agricola Polifunzionale Lunezia aderisce al progetto “adotta un alveare” semplificando ancora il rapporto fra gli apiari e il cliente, ci sono diverse opzioni a seconda del budget: un attestato, oppure l’attestato di adozione con il nome e un box al cui interno saranno contenute tutte le varietà di miele prodotte nell’anno: più precisamente, 13 vasetti da 500g per un totale di 6,5 kg oppure altre tipologie. 

Lunezia pratica un’apicoltura stanziale e non nomade, posizionando le arnie in un’area territoriale unica – mediana fra mare e montagna al confine tra Liguria e Toscana – e consentendo alle api di bottinare le infiorescenze di quella zona secondo i loro tempi, senza lo stress, i traumi e le forzature di uno spostamento continuo (peraltro inquinante a causa del carburante necessario a coadiuvarlo), evitando di fare concorrenza agli insetti impollinatori.“Adotta un alveare” è un progetto sostenibile anche sottoforma di regalo, per fare in modo che un amico o un parente ricevano l’attestato e il box mieli, entrando nella grande famiglia di cui il donatore già fa parte.

Articoli simili

Lascia un commento